Salute

Giornata mondiale della salute mentale, 10 ottobre 2018

La salute mentale colpisce 1 membro su 4 della popolazione del Regno Unito, e a seconda dei suoi estremi, può avere un effetto devastante sia sul malato che su quelli a loro vicini come la famiglia, gli amici e i colleghi.

La salute mentale ha vari gradi da lieve a grave. Ansia, depressione e stress sono considerate malattie mentali, non solo quelle più evidenti come demenza, Alzheimer, bipolare, schizofrenia o psicosi di qualche forma. In tutti questi disturbi mentali, il cervello cessa di funzionare correttamente.

L’acqua è intrinseca nello sviluppo del cervello e il corretto funzionamento e mentre non curerà alcuni malfunzionamenti mentali, è estremamente attiva nel mantenimento della salute del cervello. Una delle cause di condizioni come depressione, confusione o nebbia del cervello può essere la disidratazione.

Appena l’1,5% di disidratazione può causare malattie mentali a breve termine nella sua forma più mite. Le statistiche mostrano che le donne sono più suscettibili degli uomini.

La consapevolezza è fondamentale, come è stato sottolineato sia dal principe William che dal principe Harry e dalle loro mogli, in particolare nel caso dei giovani adulti. I disturbi mentali si verificano regolarmente nei primi anni dell’adolescenza e non possono rimanere non trattati.

La Giornata Mondiale della Salute Mentale di quest’anno si concentra in particolare sulla salute mentale sul posto di lavoro, dove lo stress può essere al suo livello più alto. Rendersi conto che le persone sono sotto stress è così importante per essere in grado di trattarle in una fase precoce. L’acqua sul posto di lavoro è tanto importante per la salute mentale quanto la salute fisica. La disidratazione può e causerà mancanza di capacità cognitive, cioè si hanno meno probabilità di pensare chiaramente o di completare anche semplici compiti che normalmente faresti. Essere mentalmente stanchi causerà il vostro corpo di andare in overdrive, che a sua volta può causare esaurimento fisico ed emotivo.

Ricordate che il vostro cervello non ha posto per memorizzare l’acqua e non può produrre, quindi dipende da un flusso costante per attivare e mantenere la chiarezza dei processi di pensiero. Senza un’adeguata assunzione di acqua, i neurotrasmettitori e la produzione rilevante di ormoni essenziali saranno influenzati negativamente. Quindi la morale della storia è: bere sull’acqua sia per l’energia del corpo che per quella del cervello. Rendere l’acqua di facile accesso in ogni momento, e in caso di dubbio prendere il proprio flacone Hydratem8 per garantire che si può reidratare tutto il giorno – e non dimenticare i bambini!

Per ulteriori informazioni o assistenza, contattare:

Mente

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *