Carrello

Idratazione

Perché abbiamo sete?

By 21/11/2019 No Comments

Come molte cose nella vita, la sete sembra essere un problema semplice da risolvere – semplicemente raggiungere per una bottiglia di acqua fresca e rinfrescante e bandire quella sensazione da dove è venuto. Questo, tuttavia, ignora la scienza dietro il motivo per cui abbiamo sete in primo luogo – che potrebbe essere qualcosa di serio che dovrebbe essere riconosciuto.

La causa più comune e nota di sete è, naturalmente, la semplice disidratazione. I nostri corpi sono costituiti da oltre il 60% di acqua, e stiamo costantemente perdendo quel fluido durante il giorno – ad una velocità accelerata quando arrivano rare temperature calde e ci ritroviamo a sudare.

Tuttavia, ci potrebbero essere ragioni mediche dietro la tua sete. Se un bisogno di bere al di là di ciò che si considera normale è accompagnato da perdita di peso inspiegabile e viaggi regolari in bagno, si può essere a rischio di diabete. In alternativa, l’anemia falciforme potrebbe essere la colpa – un risultato del tuo corpo che invia un messaggio al cervello che ha disperatamente bisogno di più ossigeno. Oppure, potrebbe semplicemente essere, non si sta bevendo abbastanza e al momento giusto per ricostituire e riavviare le funzioni corporee.

Potreste pensare che questi messaggi stiano raggiungendo il vostro cervello e influenzando le vostre azioni di conseguenza, ma sapevate che la sensazione fisica della sete inizia davvero nello stesso posto? La ricerca scientifica ha imparato che l’organo subfornico trovato all’interno del cervello umano e animale, noto anche come SFO, è ciò che identifica qualsiasi necessità di idratazione – spesso prima che la sensazione raggiunga anche il nostro corpo. I neuroni contenuti all’interno dell’SFO monitorano i livelli ematici, e di conseguenza, inviano un avviso ai sensi quando viene rilevata qualsiasi forma di squilibrio all’interno del corpo.

Avete mai sentito una costrizione a succhiare su un cubetto di ghiaccio quando si sente come si può essere surriscaldamento, o anche mettere un utensile d’acciaio freddo in bocca? Questi sono il risultato dei messaggi di avvertimento dell’SFO, l’equivalente di quelli che ti dicono che dovresti gettare un bicchiere di liquido ghiacciato sul collo per placare la tua sete. Solo per aggiungere una ruga di complicazione, tuttavia, si dovrebbe essere consapevoli del fatto che questi messaggi non sono sempre da fidarsi.

L’acqua fredda suona sempre e si sente attraente quando si è disidratati, e quasi certamente sentirete una corsa endorfine come scorre giù per la gola e nel vostro corpo. Questo perché le bevande refrigerate soddisfano i neuroni SFO più rapidamente di qualsiasi cosa più calda. La realtà, tuttavia, è che l’acqua a temperatura ambiente viene assorbita considerevolmente più velocemente di un equivalente più fresco, e quindi soddisferà la vostra sete per un periodo molto più lungo. Pensate di bere acqua ghiacciata come l’equivalente di spuntini su un cibo zuccherato, a base di carboidrati quando hai fame – ti farà sentire fantastico a breve termine, ma in poco tempo ti ritroverai a raggiungere un drink di nuovo (acqua che dovrà essere eliminato dal tuo corpo tramite minzione, che inizierà l’intero ciclo tutto da capo). L’acqua a temperatura ambiente per una persona assetata può essere attraente come un piatto di broccoli quando hai fame, ma il tuo corpo ti ringrazierà per aver fatto quella scelta a lungo termine.

Abbiamo stabilito che è sempre meglio perdere la sete al passo prima che alimenta la testa, quindi qual è il modo migliore per prevenire una tale condizione prima che diventi un problema? È estremamente importante per il corpo umano che ti idrati regolarmente, per quanto possa essere allettante aspettare fino a quando le tue labbra e la gola si sentono asciutti prima di risolvere il problema. Si può pensare che sorseggiare acqua a temperatura ambiente durante questi intervalli non è un problema, ma i messaggi SFO si muovono solo a velocità in una direzione; mentre sarete avvertiti che siete assetati e avvisati che si dovrebbe agire rapidamente, può richiedere molto più tempo prima di rendersi conto che hai avuto abbastanza da bere, lasciandovi a rischio di potenziali effetti collaterali – tra cui l’avvelenamento da acqua, in alcuni casi estremi. L’utilizzo di una bottiglia pre-contrassegnata, impedirà l’idratazione eccessiva e garantirà l’idratazione alla giusta velocità.

Quindi, per evitare di fare affidamento su queste direttive dal cervello, prendere un’azione preventiva bevendo poco e spesso durante il giorno – qualcosa che una bottiglia d’acqua motivazionale HydrateM8 può aiutare con. Di testate a 600 ml o 900ml, queste bottiglie sono chiaramente etichettate con momenti particolari che dovresti bere – che, per un’assunzione ottimale, sono a intervalli orari – con più attenzione nell’ora che porta a faticose attività fisiche come un allenamento in palestra.

Il semplice riempimento di una bottiglia d’acqua Hydration Tracker con acqua del rubinetto a temperatura ambiente è il modo più conveniente e affidabile per rimanere idratati per tutto il giorno e impedirà a quei fastidiosi SF di confondere il tuo corpo chiedendo un’assunzione inutile che potrebbe farti più male che bene. Seguendo le istruzioni trovate su un tale prodotto vi permetterà di conquistare la sete e le preoccupazioni di salute associate che vengono con esso, e prima di sapere che si beverà quantità appropriate di liquido come seconda natura – e vi permetterà di godere del benefici per la salute che vengono con una tale pratica.

Leave a Reply